Massimo Battaglio

Abitare la terra
Senza categoria

Via Giulio: da parcheggio a giardino con poca spesa

Mi è capitato di recente, di tornare in via Giulio, sede dell’ufficio di Stato Civile di Torino, per partecipare a un’Unione Civile. La sala è elegante, preceduta da un cortiletto delizioso, in un palazzo importante e degnissimo di una celebrazione nunziale. Purtroppo però, appena messo il naso fuori, il panorama è un disastro: una plaga di parcheggio, malandato e disordinato,annulla la nobiltà delle architetture che vi si affacciano su tre lati ed esalta il disordine dei retro dei bassi fabbricati sul quarto lato.

E’ sempre stata un’area di frangia: prima dell’ampliamento ottocentesco col quale si realizzarono l’Ospedale San Luigi e il Regio Manicomio, qui correvano i bastioni. Non c’erano facciate. Tuttavia, lo spazio era prato, non asfalto rotto e transenne cadenti.

Con pochissima spesa,

sarebbe possibile trasformare questo spazio in un giardino piacevolissimo: basterebbe chiudere il parcheggio con una bassa siepe (non più alta del cofano di un’auto) alternata a lagestroemie (quelle piante robustissime dai fiori rosa intenso, che proliferano da luglio fino a ottobre inoltrato). Il massimo sarebbe piantumare tutto il piazzale ma già solo un intervento sui bordi frebbe un buon effetto.

In realtà, questi interventi sanno di palliativo. Prima di pensare alle bellurie, dirà qualcuno, bisognerebbe rifare l’asfalto, demarcare i posteggi, ricostruire i marciapiedi … Ma non credo che le cose siano in contraddizione. Tanto più che stiamo parlando di semplice manuetenzione ordinaria, un capitolo per il quale, i soldi, nelle casse comunali, ci sono. Si tratta solo di dedicarne una parte con un obiettivo chiaro e con un po’ di buon senso.

 L’arrivo da via Piave diventerebbe bellissimo. A sinistra l’ex Ospedale San Luigi; a destra il parcheggio trasformato quasi in giardino. Gli Uffici di Stato Civile sono in fondo, nell’ex Regio Manicomio. La sala matrimoni è proprio in asse con la via, nella porzione di edificio segnata dal timpano triangolare. Un degno arrivo per un corteo nunziale.

E anche per chi arriva da via Giulio, il panorama sarebbe sicuramente migliore

Io la butto lì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *