Massimo Battaglio

Abitare la terra

Progettazione uno punto zero

Nel lontanissimo 1989 al corso di Progettazione Architettonica 1, prof. Daniele Vitale, l’esercitazione annuale consisteva nel recupero di un isolato del centro di Torino, ancora caratterizzato da un grande vuoto generato dai bombardamenti del ’42. Le case superstiti (molto belle), di diverse epoche, rivelavano tutta la storia della città: generalmente ristrutturate tra il sei e […]

L’atrio torinese – 3° Il Novecento

Il novecento architettonico comincia, anche a Torino, tra fortissime tensioni. C’è la fazione degli architetti del Liberty; e ci sono i tradizionalisti. Gli uni si fanno strada nel mercato immobiliare più selezionato; gli altri dominano la scena dell’edilizia corrente. Le committenze pubbliche stanno senza dubbio dalla loro parte. Le nuovi istituzioni di Stato, la Questura, […]

Atri di Torino – 2° Dall’ottocento al liberty

Con la fine dell’ancien régime, tramonta anche l’epoca dei grandi atri spettacolari, almeno nell’architettura residenziale. I nuovi committenti, protagonisti delle espansioni oltre le mura ormai abbattute, lavorano raramente per se stessi. Sono imprenditori che costruiscono per affittare o vendere. Non hanno quindi bisogno di grandi apparati celebrativi, saloni a  doppia altezza, corti porticate e atrii pomposi. […]

Atrii di Torino – 1° il barocco

Il centro storico di Torino, cioè quella mandorla di terreno che un tempo era racchiusa tra i bastioni sabaudi, è fatto sostanzialmente di palazzi nobiliari, coi loro appartamenti sfarzosi, le loro corti, i loro atrii. Molti furono “sollecitati” dai Savoia, talvolta su terreni regalati ai cortigiani purché vi costruissero oppure realizzati per vera e propria […]

Interriamo la ferrovia?

Qualche tempo fa si discuteva del possibile interramento della ferrovia nel tratto da Lingotto a Porta Nuova. Un’idea suggestiva e grandiosa. L’enorme fascio di binari che squarcia Torino sud in due potrebbe diventare il terreno su cui si giocherà il futuro urbanistico della città per almeno vent’anni. Con un’innumerevole serie di vantaggi. Si ricucirebbe un […]

Itinerari ciclabili, Torino, l’Italia, il Mondo

Piste ciclabili nel mondo Le più belle piste ciclabili del mondo sono, a detta di tutti gli esperti ma anche di coloro che le vedono e utilizzano, quelle di Copenaghen. Strutture di forte impatto visivo, sono concepite in modo da rendere piacevole l’esperienza del percorso. Eleganti, vogliono essere elementi di forte caratterizzazione positiva del territorio. […]

Itinerari verdi ciclistici a Torino

A seguito dell’articolo precedente, propongo quattro itinerari ciclistici in giro per Torino. Toccano quasi tutti i giardini e della città e le sue più significative alberate. Tutti possono essere compiuti quasi completamente su pista ciclabile o percorsi protetti. Si possono svolgere in mezza giornata o anche in una giornata intera, se si vuole approfondire la […]

I Verdi abitanti torinesi Capitolo 1° – i viali

Torino, coi suoi 21.300.000 metri quadri verdi, 24 per abitante, non è tra le città più verdi d’Italia. Il rapporto verde/abitanti di Trento è più di 400. Matera, Pavia, Lodi, Cremona, Terni, Potenza e Reggio Calabria superano i 100. Torino è però al secondo posto tra le grandi città. Roma ha 13,78 metri quatri per […]

Rotonda maroncelli. L’urbanistica del qualunquismo

La Rotonda Maroncelli è un brutto posto di Torino, inviso a tutti gli automobilisti perché, a causa dell’intenso traffico che proviene da ben tre direzioni (normalmente, le rotonde hanno almeno quattro entrate), c’è sempre un casino della ma… roncelli. Sorge alla fine del parco di Italia ’61, dove il viale Unità d’Italia che costeggia l’infilata […]

Piazza S. Pietro presepe della miseri-dis-cordia

Negli ultimi tempi, sembra che tutto quel che accade oltre Tevere sia destinato a destare polemiche. Perfino il nuovo presepe in piazza San Pietro, realizzato dalla Bottega d’Arte presepiale Costabile e Cantone di Napoli, nel pieno rispetto dei canoni della tradizione napoletana. Troppo provocatorio Hanno tuonato all’unisono i soliti difensori della “tradizione”, arrivando a leggervi […]